“I quaderni del senno di poi”, Francesco Cuna.